workstation

Cosa si consiglia a coloro che vogliano realizzare un progetto e-learning di successo in piena Digital Era?

 

Questa, la prima delle tre domande poste ai 10 esperti nell’ambito della conferenza Learning Technologies 2018 sulle Tecnologie della Formazione di Londra, tenutasi quest’anno. Il Digitale ha repentinamente cambiato i parametri della formazione: non bisogna smettere di apprendere, se si vuole apprendere davvero.

  1. Fissare gli obiettivi e procedere con ordine

L’importanza di avere obiettivi definiti dall’inizio è il primo messaggio degli esperti: senza una chiara linea d’azione sostenibile,  non si gettano buone basi per il successo generale del progetto.

 

“Analizzare il problema prima di proporre una soluzione. Solo il 55% di noi lo fa. ”

– Laura Overton: CEO e fondatore, Towards Maturity

 

“Se stai avviando un progetto di apprendimento digitale, il punto di partenza non è digitale. Il punto da cui partire è: “chi è il mio target di riferimento?”, “Di cosa ha bisogno?”, “Qual è il problema che sta affrontando, quale la soluzione?” Siate abili e onesti lettori delle vostre analisi: di solito, si tratta di un problema aziendale. “- Jo Cook: Editor di Training Journal

E se non lo fai?  David Perring, direttore della ricerca di Fosway Group, dice semplicemente:

“Se non conosci a fondo i tuoi obiettivi, è possibile che realizzi un bel progetto, ma non farai alcuna differenza.”

 

  1. Focalizzarsi sempre sul problema/bisogno

Per quanto risulti allettante volare “verso la luce” come una falena, è necessario voltarsi e focalizzarsi sempre sul problema, sul tuo bisogno. Dirigi le tue idee verso la soluzione o la tecnologia che desideri provare e concentrati, prima di tutto, su ciò che deve essere risolto.

“Non lasciare che sia la tecnologia a guidarti. L’inseguimento della  “luce” può fornire risultati apprezzabili, ma può non risultare  necessariamente funzionale a ciò che stai effettivamente cercando di ottenere. Pensaci.”- Stephen Walsh, Direttore JamPan and AndersPink

“Tutti sono alla ricerca di un proiettile d’argento – l’ultima e migliore innovazione che scalzerà inevitabilmente la precedente. Spesso però sono proprio le basi a generare le difficoltà maggiori. Qual è il core del tuo  business? Come puoi facilitarne l’apprendimento e l’esplicazione? Che cosa genera la soluzione che proponi nell’animo del tuo user?”- Fiona Quigley: Digital Learning Innovator, Logicearth

 

  1. Scava a fondo per trovare il tua chiave d’oro

Trovare la fonte del problema o il divario che l’apprendimento e lo sviluppo si prefiggono di superare è importante quanto trovare la soluzione giusta. Tuttavia, non è sempre facile da individuare. Almeno non in assenza di alcune analisi approfondite:

“Il mio problema sono le prestazioni? Un comportamento? Una competenza? Un’abilità? Una conoscenza? E qual è il contesto? Chi  e come ne è coinvolto? Questi, i quesiti che devi porti ben prima di pensare di proporre la soluzione. “- Laura Overton, CEO di Towards Maturity

Tale analisi dettagliata viene spesso messa da parte, ma è in realtà cruciale per il successo di un programma di formazione. La nostra guida gratuita ha come scopo centrale proprio quello di  catturare le esigenze del pubblico. Vuol fornire supporto a tutti coloro che debbano implementare con successo   un (e-) progetto di formazione. Desideriamo concretamente coadiuvare la ricerca degli obiettivi, passo dopo passo. La creazione di profili chiari e una segmentazione di audience ben fatta è fondamentale, a tale scopo. Non sarete certo  gli unici a incentrare il vostro interesse sugli utenti, in Rete … E’ necessario apportare un valore aggiunto reale, concreto e tangibile nella vita dello user, che si stia formando o stia semplicemente provando a soddisfare un bisogno.

 

  1. Non concentrarti sul contenuto, ma su come imparano gli studenti

Non sorprende che Stella Collins, specialista, psicologa e autrice, abbia tenuto sempre a mente gli studenti quando le abbiamo posto alcune domande: consiglia infatti a tutti i formatori in digitale di mettere insieme quanti più dettagli possibili circa le modalità apprendimento delle persone. Come lo fanno? Secondo quali parametri?

“Scopri come le persone imparano prima di progettare il tuo progetto  e-learning in digitale. Lavora con lo studente, non con la tecnologia. “Stella Collins, Direttore Creativo di Stellar Learning e autrice di “Neuroscienze per l’apprendimento e lo sviluppo ”

 In qualità di psicologo dell’apprendimento, Stella sa bene cosa serve per far sì che le nozioni apprese attecchiscano a fondo negli animi dei discenti, trasformandosi virtuosamente in comportamenti e abitudini a lungo termine. Che tu sia un esperto in psicologia dell’apprendimento o no, c’è ancora una trappola secolare in cui le persone cadono:

“Troppo spesso, le persone si concentrano sul contenuto tralasciando di netto ciò di cui lo studente ha bisogno in termini di tools.” – Sam Taylor: Responsabile dello Sviluppo Digitale, Hitachi Rail Europe

Anche Sam Taylor, Manager e Progettista di Sviluppo Digitale, sembra sostenere la tesi senza mezzi termini. Il suo punto cardine è “Pensa allo studente, non al materiale di partenza”.

 

  1. Vai avanti a piccoli passi

Il dott. Ben Betts, degli Innovatori dell’Apprendimento Tecnologico HT2 Labs, incoraggia le persone a staccarsi dalle norme ferree, ma… :

“Prova qualcosa per la prima volta. Spingiti oltre  i limiti di ciò che è attualmente possibile nella tua azienda e fa’  del tuo progetto un valore aggiunto e d’impatto sul tuo business – riduci il tempo necessario per portare le competenze necessarie nel tuo Team, ma rendi questo tempo d’immenso valore.  Sii semplice, ma efficace. “- Dott. Ben-Think out of the box

 

  1. Curare i contenuti non sempre vuol dire “crearli” ex novo

La cura dei contenuti è ben distante dalla mera produzione degli stessi. Assicurati d’aver fatto un profittevole recap di quanto già esiste in Rete e di come si possa efficacemente reimpiegare, prima di disperdere tempo ed energie sulla creazione dei contenuti. Potresti scoprire che quanto è già stato prodotto ha in realtà un immenso valore per la tua audience di riferimento…